fbpx
CRecap – Si può e si deve segnare di più
CRecap – Si può e si deve segnare di più

Giustamente criticata dall’ambiente per la deludente produzione nella prima parte del campionato, ora la fase offensiva ha l’occasione per redimersi

Inutile stare tanto a girarci intorno. In una prima parte di stagione in cui tante cose dell’ambiente Cremonese hanno deluso e disatteso le aspettative, certamente la fase offensiva è stata quella che lo ha fatto più di tutti. Con i 28 gol segnati in 28 partite i grigiorossi sono il terzo peggior attacco del campionato, ma a preoccupare sono soprattutto le 10 partite in cui la Cremo non è riuscita ad andare in gol, spesso senza andarci nemmeno vicino.

LE PROPORZIONI NON TORNANO – I dubbi sulla bontà del lavoro offensivo effettuato dalla Cremonese prima dello stop si fanno ancora più grandi analizzando i numeri, che ci dicono che dei 28 gol prodotti solamente 15 vengono dagli attaccanti e addirittura solamente 4 dalle punte centrali Ciofani e Ceravolo. Gettare la croce addosso ai due più grandi acquisti della campagna estiva sarebbe però riduttivo. Per segnare occorre anche essere riforniti nel modo adeguato.

VOGLIA DI RIVINCITA – Dopo questo lungo stop la Cremonese ripartirà dal 4-3-3 e per questo il rendimento della squadra continuerà a dipendere dalle prestazioni di chi giocherà nel ruolo di punta centrale. Ma chi sarà il titolare? Bisoli con le sue scelte e le sue dichiarazioni ha dimostrato di voler puntare forte su Ciofani, ma il fisico del ciociaro potrebbe penalizzarlo dopo una lunga pausa e indurre il tecnico a schierare un Ceravolo che ha tanta voglia di dimostrare il suo valore.

EFFETTO PARIGINI – La vera certezza da cui la Cremonese comunque riprenderà il filo del suo discorso offensivo risponde al nome di Vittorio Parigini. L’esterno arrivato nel mercato di gennaio è stato in assoluto il migliore per rendimento nelle ultime gare prima dello stop. Parigini ha le qualità necessarie ad innalzare il livello tecnico dell’attacco grigiorosso garantendo gol in quantità, ma anche assist per le prime punte.

GLI ALTRI – Non dimentichiamoci poi che il reparto comprende altri nomi di assoluto spessore come Antonio Piccolo, che si spera possa trovare la continuità mancata nella prima parte di stagione, o Simone Palombi da cui i tifosi attendono il definitivo salto di maturità. Dietro di loro scalpita anche Celar, pronto a mostrare di potersi giocare le sue carte in una rosa affollata, ma che dovrà far fronte a molti impegni.

Alessandro Ginelli
Alessandro Ginelli

Collaboratore

Potrebbe interessarti anche: