fbpx
Castagnetti: «Mi sto esprimendo al mio livello»
Castagnetti: «Mi sto esprimendo al mio livello»

Michele Castagnetti in conferenza stampa: «Inizio di campionato incoraggiante? Non avevo dubbi. La squadra è scaltra»

Leader della Cremonese e faro del centrocampo grigiorosso. Questa mattina, a pochi giorni dalla sfida contro il Parma, Michele Castagnetti ha parlato in conferenza stampa, analizzando anche l’inizio di stagione: «Non avevo dubbi sulle nostre prestazioni, l’anno scorso nel ritorno ne abbiamo sbagliate poche. La B è un campionato difficilissimo e sono tutte partite equilibrate. Fare 6 punti nelle prime tre, considerando che anche a Monza meritavamo di più, è importante. Adesso c’è Parma che a detta di tutti è la più forte del campionato, vedremo cosa riusciremo a fare».

RIFERIMENTO – Dall’arrivo di mister Pecchia, l’ex Spal ha giocato 23 partite su 25 (ne ha saltate due per squalifica), tutte da titolare. Una continuità che gli ha permesso di esprimersi al meglio: «La fiducia dell’allenatore è importante, avere la possibilità di rifarsi. Il problema di continuità è quello che ho sempre avuto a Cremona, con questo allenatore l’ho trovata e questo giova a me e in generale a tutto il gruppo. Capita di sbagliare, ma giocando spesso non si può che imparare e migliorare». Il gioco del mister esalta le qualità del mediano: «Al mister piace palleggiare, ma se gli attaccanti partono in profondità bisogna servirli. Abbiamo attaccanti velocissimi e vanno sfruttati, tutte le squadre vengono pressate molto alte, oramai il calcio in generale è un po’ “gasperiniano” e con un passaggio a sorpresa si possono creare azioni d’attacco»

OBIETTIVO – Castagnetti non si sbottona riguardo gli obiettivi stagionali della Cremonese: «Non so dove possa arrivare, sono passate solo tre giornate, vogliamo migliorare quanto fatto nei tre anni in cui sono stato qui, quando siamo arrivati al massimo decimi. Vogliamo consolidarci e non fare un campionato che faccia tribolare fino alla fine. Nonostante la doppia promozione con Spal ed Empoli, il classe 1989 non ha mai giocato in Serie A: «Ogni calciatore vorrebbe fare almeno una partita di Serie A, a me è stata negata due volte questa possibilità e sarebbe bellissimo farlo con la Cremonese». A livello personale, Casta vorrebbe segnare un po’ di più (e non per forza da metà campo): «Mi piacerebbe fare più gol perché faccio almeno un tiro a partita, almeno 4-5 a stagione. Sogno un gol a Buffon? Per me è indifferente, se poi lo faccio e vinciamo è solo meglio».

RINASCITA – Dopo anni difficili, Castagnetti pensa di aver ritrovato la tranquillità perduta: «Dopo tre anni posso dire che sono riuscito ad essere il giocatore che la Cremo ha comprato qualche anno fa. Ci ho messo più del previsto, ma mi sto esprimendo al mio livello». Una crescita che, forse, è passata anche dal suo essere diventato padre: «È una cosa incredibile, ogni giorno è una scoperta e non ti senti mai all’altezza di nulla. Mio figlio mi dà una gioia tale che poi mi fa venire al campo contento, capisci che nella vita ci sono cose davvero importanti. Questo influisce positivamente sul calcio, anche per quanto riguarda il senso di responsabilità».

COL CITTA – L’ex Spal ha parlato anche dell’ultimo successo in campionato, fondamentale per il morale e non solo: «Sapevamo che la vittoria era troppo importante, per tanti motivi. Da quando sono qui l’inizio è sempre stato complicato, ma cominciare bene è importante perché poi si delineano gli obiettivi e la forza delle squadra. Abbiamo trasmesso l’importanza di vincere ai giovani e abbiamo aggredito il Cittadella nonostante l’inferiorità numerica. È un bel passo in avanti, l’anno scorso abbiamo preso gol in situazioni in cui ci siamo addormentati e in quei casi poi è un casino recuperare. Sono contento perché ho visto che la squadra ha avuto una mentalità più scaltra, da Serie B». Per Castagnetti la sfida con il Parma è un vero e proprio derby, anche in famiglia: «Io vivo a Parma con la mia compagna, che è di lì, ma sono di Reggio Emilia, quindi per me è un derby. A lei il calcio interessa relativamente, verrà allo stadio ma tiferà Cremonese».


Fonte: dai nostri inviati al Centro Arvedi Lorenzo Coelli e Niccolò Poli.
Ogni replica, anche se parziale, necessita della corretta fonte WWW.CUOREGRIGIOROSSO.COM

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche:

Cittadella, Gorini: «Risultato troppo severo»

Cittadella, Gorini: «Risultato troppo severo»