Brescia, Corini: «Vogliamo vincere il derby e arrivare primi»
Brescia, Corini: «Vogliamo vincere il derby e arrivare primi»

Insaziabile l’allenatore delle rondinelle Corini dopo il raggiungimento della A diretta: «Emozione bellissima, ora però siamo concentrati ancora su questo campionato»

Sguardo al futuro, che si chiama da qualche giorno Serie A? No, mister Eugenio Corini, prima di parlare con il presidente Cellino per quanto riguarda la sua posizione, è concentrato unicamente sulla partita di domani contro la Cremonese che si giocherà allo Stadio Zini alle ore 15: «Mercoledì è stata un’emozione straordinaria, è bellissimo diventare consapevoli di ciò che abbiamo raggiunto – ha detto il tecnico in conferenza stampa in una fase di introduzione -, ma anche vedere gli occhi di gioia da parte del presidente, dei miei collaboratori, dei ragazzi e dei tifosi, che si sono scatenati in Piazza della Repubblica. Ogni persona che s’incontra, in questo momento, porta un vessillo biancoblù». Su Cellino: «Aveva proposto un piano triennale, ora siamo in A forse con un anno di anticipo».

DERBY E FUTURO – Sul derby, invece, si è espresso così: «Credo proprio che possiamo fare una grande partita, è un derby e saremo supportati da tantissimi tifosi. Inoltre, ci teniamo ad arrivare primi in questo campionato, e non per differenza reti ma perché vogliamo vincere le 2 partite restanti». Del futuro non ne vuole parlare: «Significherebbe sminuire questo momento, dimenticarsi già di quello che abbiamo appena raggiunto con i ragazzi, per i quali provo immensa gratitudine e sarà sempre così finché lavoreremo insieme. Ci sarà modo per approfondire quel discorso». La Serie A è ben diversa: «Sì, è un altro sport. Ci si confronta con una categoria di grandissimo livello».


Le dichiarazioni del mister sono state rielaborate dal portale elivebrescia.tv

Redazione
Redazione

Potrebbe interessarti anche:

Perugia-Cremonese, i convocati di Nesta

Perugia-Cremonese, i convocati di Nesta

Perugia, la gara che vale una stagione

Perugia, la gara che vale una stagione