fbpx
Bonato: «Sul mercato siamo in attesa. Il segreto della B…»
Bonato: «Sul mercato siamo in attesa. Il segreto della B…»

Le parole del direttore sportivo Bonato, che stamattina ha presentato la nuova stagione della Cremonese con Rastelli: «Il calciomercato ha un andamento più lento»

È stato il direttore sportivo Nereo Bonato, questa mattina, a fare gli onori di casa nella conferenza di inizio stagione della Cremonese, che affronterà il terzo campionato di Serie B consecutivo. Il mercato tiene banco, ma per gli obiettivi che i grigiorossi si sono prefissati dovremo ancora attendere per i grandi colpi, come ha sostenuto lo stesso ex dirigente del Sassuolo dinnanzi ai giornalisti presenti. Ieri intanto sono stati ufficializzati il difensore Ravanelli e l’attaccante Palombi, entrambi under e profili molto utili per lo schieramento che vorrà mettere in campo l’allenatore Rastelli (qui le sue parole).

SI RICOMINCIA – «Andiamo avanti nel segno della continuità, vogliamo crescere e migliorarci – queste le prime parole del ds, che ha affrontato vari temi durante il suo intervento –. Il nostro obiettivo infatti è quello di fare meglio rispetto allo scorso anno e vogliamo farlo seguendo una programmazione specifica, con desiderio di crescere incessantemente, senza però voli pindarici». E ancora: «Vogliamo dare il 110%, sappiamo che la nostra proprietà è importante e che il Cav. Arvedi ci ha dato l’opportunità di lavorare nel migliore dei modi, per questo lo ringraziamo pubblicamente». Sulla volontà di ripartire dai ragazzi che hanno chiuso lo scorso campionato: «È stata una stagione di alti e bassi, ma nella difficoltà il gruppo si è compattato e ha dato il meglio di sé. Ricominciamo da lì, inserendo poi profili che rispecchino caratteristiche ideali per il nostro stile di gioco e anche per l’ambiente, perché giocare a Cremona è diverso che da altre parti. Non conta solo la qualità, anche come un giocatore si trova in una determinata piazza».

MERCATO – Le domande sul mercato non potevano di certo mancare e Bonato è stato molto chiaro: «Le dinamiche sono cambiate rispetto al passato, la finestra di trattative ha un andamento più lento e noi siamo disposti ad attendere. La ritengo la filosofia più giusta per costruire la squadra a seconda di quanto ci siamo prefissati, perché necessitiamo di profili giusti nel posto giusto». Dalla promozione in Serie B la Cremonese non è mai riuscita ad assicurarsi un attaccante da almeno 12-15 gol a stagione: «Con tutte le nostre forze cercheremo di risolvere il problema, è un ruolo delicato e su giocatori di un certo livello la concorrenza è spietata. Bisogna attendere, stiamo lavorando su più piste». Ecco invece il commento sugli altri reparti: «Difensivamente siamo praticamente a posto, mentre a centrocampo di sicuro ci sarà qualche innesto come in attacco. Poi non dimentichiamoci le uscite». Precisazioni doverose sugli affari Zortea e Deli, ormai prossimi a vestire il grigiorosso: «Al momento Deli figura ancora tesserato del Foggia, si attende l’esclusione definitiva dei rossoneri dalla Serie C per poter acquisirlo da svincolato. Zortea prima di arrivare in prestito deve prolungare il contratto con l’Atalanta, c’è stata qualche piccola difficoltà nel rinnovo ma dovrebbe chiudersi tutto in tempi brevi».

NUOVE FIGURE «Il mercato conta, ma anche la gestione quotidiana – ha concluso Bonato, soffermandosi sulla chiave di successo per la Serie B -: nello staff tecnico abbiamo aggiunto due figure importanti: Igor Guaia, match analyst, si preoccuperà di riprendere gli allenamenti dei grigiorossi e studiare meglio anche gli avversari; Stefano Taparelli, invece, monitorerà i carichi di lavoro per prevenire gli infortuni e migliorare quindi la condizione fisico-atletica. Non sostituiscono gli altri già presenti, semplicemente li affiancano. In Serie A conta molto il valore del singolo, che può cambiare l’andamento di una gara, ma in B è il lavoro settimanale che fa la differenza. Su questo stiamo lavorando, inizia una stagione importante e prometto che sarà una Cremonese competitiva».


Fonte: dai nostri inviati al Centro Arvedi Andrea Ferrari e Lorenzo Coelli
Ogni replica, anche parziale, necessita della corretta fonte CuoreGrigiorosso.com

Andrea Ferrari
Andrea Ferrari

Caporedattore, Content Manager e Social Media Manager

Potrebbe interessarti anche: