Bonato: «Punteremo alla Serie A»
Bonato: «Punteremo alla Serie A»

Intervista al direttore sportivo della Cremonese Nereo Bonato: «Ci siamo compattati e siamo cresciuti grazie al lavoro quotidiano»

Dall’arrivo del nuovo direttore sportivo, Nereo Bonato, la Cremonese non ha mai perso, rompendo anche il tabù della vittoria esterna che durava da un anno e mezzo. Che sia una coincidenza o meno, non si sa e neanche mai lo sapremo in quanto non vi è una prova empirica in suo sostegno. Fatto sta che sei vittorie e quattro pareggi hanno permesso ai grigiorossi di passare dalle sabbie mobili della zona retrocessione alle porte d’accesso per il Paradiso. E anche se non dovesse riuscire a entrarci, ci saranno comunque dei buoni elementi da cui ripartire.

ESPERIENZE PASSATE – «Due mesi fa i playoff non erano nelle nostre idee. Ora c’è l’ultimo step a Perugia, siamo consapevoli di opportunità e difficoltà che si presentano. Abbiamo dei valori, ora giochiamoci questa chance – ha dichiarato il ds grigiorosso a TuttoMercatoWeb -. Credo sia stato importante il confronto diretto con tutte le componenti. Il lavoro quotidiano ci ha fatto migliorare e abbiamo trovato equilibri che durante l’anno si erano smarriti. Le mie precedenti esperienze mi hanno permesso di focalizzare le problematiche, così ci siamo compattati e attraverso anche sofferenze e difficoltà abbiamo messo a posto la situazione».

SERIE A NEL MEDIO PERIODO – Ma se quest’anno i play-off non dovessero arrivare o concludersi con l’esito non sperato, quel che è certo è che l’obiettivo promozione diventerà concreto nei prossimi anni: «Ho avuto l’opportunità di vedere tantissime partite e confrontarmi con altre realtà così da capire i parametri degli altri campionati. È bravo un direttore che sbaglia poco, quello che non sbaglia non esiste. Dobbiamo cercare calciatori che siano funzionali al progetto della Cremonese. Bisogna avere un processo graduale che ci permetta di puntare un domani alla Serie A. Dobbiamo crescere piano piano… nel medio periodo lotteremo per la promozione».

Nicolò Casali
Nicolò Casali

Potrebbe interessarti anche: