fbpx
Bisoli: «La Serie A manca da troppo tempo a Cremona…»
Bisoli: «La Serie A manca da troppo tempo a Cremona…»

Mister Bisoli alla Gazzetta dello Sport: «A Cremona vorrei fare come a Cesena e Bologna: salvarmi il primo anno, vincere il secondo»

In un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, il tecnico della Cremonese Pierpaolo Bisoli ha parlato del progetto grigiorosso e della Cremo del futuro: «La Serie A a Cremona manca da 24 anni, un’attesa infinita. La piazza merita di più, anche la società che è solida e serissima e il cavalier Arvedi che è una persona squisita». Per questo ammette il suo obiettivo: «Vorrei fare come a Cesena la seconda volta, dopo Bologna: salvarmi il primo anno e vincere il secondo». Riguardo la stagione passata racconta: «È stata una stagione complicata. Rimane la consapevolezza di aver fatto qualcosa di straordinario. L’anno scorso eravamo una delle squadre più vecchie: c’erano 7 giocatori oltre i 32 anni.  Ora dobbiamo ripartire da zero, quest’anno l’età media va abbassata. Media punti di 1,8 come l’anno scorso?  Le premesse ci sono, la squadra è già in forma». Aggiunge poi: «Ho dedicato la salvezza alla città e ai tifosi perché a Cremona ho capito cos’era la sofferenza per il virus».

LA SQUADRA – Riguardo al modulo il mister grigiorosso afferma: «Non sono fissato con un sistema di gioco (ha prediletto il 4-3-3), ma in squadra c’erano molti esterni. Ora penso di passare al 4-3-1-2». Parlando dei suoi giocatori dice: «Buonaiuto sarà l’alternativa a Gaetano, che giocherà come trequartista. La trattativa per portarlo di nuovo qui si  è un po’ complicata, ma mi chiama tutti i giorni e vuole tornare da noi. Buonaiuto ha giocato come esterno a Perugia, ma lo vedo bene dietro le punte». Prosegue poi esponendo la necessità di fare qualche acquisto a centrocampo: «Servono rinforzi, siamo contati:  abbiamo Castagnetti, Gustafson e Deli, che deve rientrare dall’infortunio. La difesa invece è stata confermata». Il figlio Davide è nello staff della Cremo come match analyst, queste le parole di papà Bisoli: «È bravo, rappresenta la parte tecnologica della famiglia (laltro figlio, Dimitri è il capitano del Brescia, ndr.), ma non ha nessun privilegio».

Rebecca Cambiati
Rebecca Cambiati

Potrebbe interessarti anche: