fbpx
Bisoli: «I tifosi avranno patito le pene dell’inferno…»
Bisoli: «I tifosi avranno patito le pene dell’inferno…»

Mister Bisoli dopo la vittoria di Livorno: «La squadra somiglia a Cremona, che soffre ma risorge. Noi ci siamo, abbiamo cercato di vincere fino alla fine»

La Cremonese sbanca Livorno allo scadere e rimane fuori dalla zona playout. A fine gara ha parlato il tecnico della Cremonese Pierpaolo Bisoli:«Oggi i tifosi avranno patito le pene dell’inferno (ride,ndr), ma queste vittorie danno gioia e morale, riavvicinando al calcio anche i tifosi che si sono allontanati. Questi risultati fanno sì che i ragazzi  si compattino, quando sono sofferte sono ancora più belle, e con la sofferenza otterremo grandi risultati. La squadra ha fatto una gara intelligente, sono arrabbiato perché abbiamo giocato un po’ troppo puliti. Oggi Ravaglia non si è nemmeno sporcato i guanti. Non dimentichiamoci che prima di Frosinone eravamo terzultimi».

DOMINIO – La Cremo ha concesso pochissimo al Livorno, ma nonostante ciò ha dovuto aspettare il recupero per chiuderla: «A differenza di prima adesso abbiamo carattere, attributi e voglia di ribaltare le avversità. Passiamo dalle pene dell’inferno al paradiso in una frazione di secondo, ma vogliamo dimostrare che i sei mesi precedenti sono stati solamente un momento particolare – spiega Bisoli -. Le sconfitte con Benevento e Cosenza potevano buttarci giù di morale, invece i ragazzi si sono rimboccati le maniche e oggi abbiamo vinto da squadra senza mollare mai. Oggi non era facile, il Livorno non ci ha regalato niente e ci siamo sudati la vittoria, anche se dovevamo chiuderla prima».

GRUPPO – Quando i toscani hanno iniziato a chiudersi, la Cremo ha iniziato a tirare più spesso dalla distanza: «Li proviamo spesso in allenamento e abbiamo tiratori importanti». Il gruppo c’è e Bisoli lo sa: «I vecchietti sono importanti perché aiutano a creare un obiettivo comune, che noi abbiamo. Vogliamo riscattare sei mesi di delusioni e penso che la squadra rappresenti Cremona, che soffre ma vuole risorgere. Abbiamo cercato la vittoria fino alla fine, raggiungendo tante squadre e aggiungendole al calderone della classifica».

COMPLICAZIONI – Questa sera Bisoli ha dovuto rinunciare a Crescenzi, e non arrivano buone nuove: «Lo perderemo anche per le prossime due partite, mentre Zortea non l’ho messo dall’inizio perché era affaticato. Fortunatamente non abbiamo infortuni, ma con il lavoro supereremo anche questo. Domani e domenica ci alleneremo per cercare di ottenere un altro risultato contro una squadra che lotta per un obiettivo diverso. Ma noi ci siamo: oggi non era facile e scontato come si diceva».

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche: