fbpx
Baroni: «Mi aspetto una prestazione importante»
Baroni: «Mi aspetto una prestazione importante»

Mister Baroni nella conferenza pre Empoli-Cremonese: «Lavorare qui dà soddisfazioni, dovremo creare problemi all’Empoli»

Dopo due settimane di attesa, domani sera tornerà in campo la Cremonese. Ma non sarà una partita come tutte le altre: sarà la prima gara ufficiale del Baronibis. Di questo e tanto altro ha parlato il mister toscano questa mattina, in occasione della classica conferenza stampa prepartita. «Prima di tutto voglio ringraziare la squadra per la grandissima disponibilità che mi ha dato – le prime parole dell’ex Benevento -. Il tempo è sempre poco, ma abbiamo lavorato per cercare di portare qualcosa di nostro e la squadra ha risposto in modo positivo, adesso ci confronteremo con il campo».

L’AVVERSARIO – Al Castellani la Cremonese si troverà davanti un Empoli ferito dalla sconfitta di Pordenone pronto a riconfermarsi come corazzata del campionato: «Per quanto riguarda l’organico dell’Empoli è inutile che stia a spendere parole – spiega Baroni -.  Così come altre squadre ha un organico di prim’ordine, ma noi andremo ad affrontare la squadra con il piglio giusto e l’obiettivo di fare una prestazione importante, individuale e di squadra frutto del nostro lavoro. Queste partite vanno affrontate con grande rispetto dell’avversario».

MODULO – Nel corso della sosta, Baroni e il suo staff hanno lavorato con la squadra soprattutto sul 4-3-1-2, modulo utilizzato contro la Pro Vercelli: «Abbiamo fatto una valutazione dei giocatori, la squadra è stata costruita per giocare a tre ma abbiamo anche testato una capacità dei ragazzi di interpretare un sistema diverso con risposte positive». Per il ruolo di trequartista, dunque, i candidati principali sono Deli e Kingsley«Sicuramente sono due giocatori che hanno le caratteristiche per ricoprire quel ruolo e dare equilibrio. Poi valuteremo anche altre opzioni, adesso c’è da considerare l’assenza di Antonio Piccolo. Kingsley non mi è dispiaciuto, anzi ha fatto molto bene».

PRESTAZIONE – Con questa nuova disposizione, il mister potrebbe optare per un centrocampo più conservativo: «Il 4-3-1-2 dà anche una buona distribuzione sul campo e la possibilità di sviluppare gioco. In questo momento non mi focalizzerei però sul sistema, io sto chiedendo ai ragazzi di andare a fare una prestazione importante: solo così possiamo ritrovare equilibrio e compattezza. Senza di essi qualsiasi sistema diventa complicato». Al di là della tattica, Baroni si sta concentrando sulla mentalità giusta da infondere nei suoi: «Sto cercando di trasmettere alla squadra la necessità di scendere in campo sfruttando la nostra qualità. Dobbiamo difendere tutti, ma allo stesso tempo dovremo chiudere la porta in molti uomini. La densità offensiva e difensiva, se dinamica, può diventare pericolosa».

LAVORO – Dopo qualche mese di astinenza, Baroni ha avuto la possibilità di rimettersi in gioco: «Stare fuori non è mai bello, quando si è dentro manca anche il tempo per respirare, ma fa parte del gioco. Chi ama questo lavoro sa che questa è la sua bellezza, ci siamo buttati anima e cuore. Qui c’è un centro che ti dà la soddisfazione di passare qui tante ore. In questo momento dalla squadra mi aspetto una prestazione importante, ma sono anche curioso». Secondo il mister, la voglia dei giocatori sarà la chiave per tornare al successo: «C’è da lavorare. Io ho cercato di trasferire tutto ciò che ritenevo utile ai giocatori, ma in questo momento non bisogna pensare all’aspetto mentale o alla condizione fisica. Queste sono situazioni che si superano quando desideri una prestazione importante, dev’essere l’aspetto primario. Solo le cose provate in allenamento potranno venirci in aiuto nei momenti di difficoltà che ci creerà l’avversario. Quello che è certo è che dovremo essere anche noi a creare problemi a loro».


Fonte: dal nostro inviato al Centro Sportivo Arvedi Lorenzo Coelli
Ogni replica, anche se parziale, necessita della corretta fonte CUOREGRIGIOROSSO.COM

Lorenzo Coelli
Lorenzo Coelli

Redattore

Potrebbe interessarti anche: