fbpx
Auguri a Strada, l’uomo del salto in B del 2005
Auguri a Strada, l’uomo del salto in B del 2005

Compie oggi 49 anni Pietro Strada. Per lui solo una stagione in grigiorosso ma fu quella della promozione in Serie B nel 2004-05.

Un anno basta e avanza per entrare nella storia di una squadra. Lo sa Pietro Strada, ex giocatore, classe ’69, alla Cremo solo una stagione ma vissuta da protagonista, facendo sognare i tifosi in coppia con Prisciandaro.

Bresciano d’origine, è cresciuto nell’Ospitaletto, squadra fenomenale a fine anni ’80 e Strada seguì le sorti della formazione orange entrando nel calcio dei grandi fino alla C1. Dopo 3 stagioni a Salerno, la sua carriera ebbe una svolta. Era il ’95 e Strada conobbe Carlo Ancelotti. La squadra era la Reggiana, il campionato la Serie B. Gli emiliani ottennero una promozione ma i due cambiarono città, spostandosi a Parma. A 27 anni Strada era nel suo periodo migliore della carriera, in una squadra titolata, in A, con la possibilità di giocare la Champions e di andare in nazionale.

Ma una brusca frenata fermò la sua ascesa. Un brutto infortunio ne condizionò il rendimento per anni, portandolo in poco tempo dalla A alla C. Risorse a Lumezzane, con due stagioni ad alto livello e una finale playoff col Cesena persa che ancora grida vendetta (Strada venne preso a calci da Castori).

Così a 36 anni arrivò a Cremona, con voglia di rivalsa, di prendersi la tanto agognata promozione in B, sfumata l’anno prima. E ci riuscì. Fu un’annata indimenticabile, con 6 reti in 29 presenze e un campionato stravinto. Per Strada fu come rivivere una seconda giovinezza.

Cecchino su calcio di punizione (Pavia e Mantova ne sanno qualcosa), talentuoso nonostante l’età, fu un numero 10 atomico che fece sognare  i tifosi. Rimase solo un anno ma riuscì a farsi amare e rimpiangere nel momento in cui lasciò Cremona per tornare nella sua Brescia, penultima tappa prima di chiudere la carriera a Lumezzane.

Buon compleanno Pietro Strada, uno dei giocatori più talentuosi passati da Cremona nel nuovo millennio!

Redazione
Redazione

Potrebbe interessarti anche: