fbpx
Gli acquisti di gennaio della Cremonese dal 2009
Gli acquisti di gennaio della Cremonese dal 2009

Da Canini, Pesce, Scarsella e Sansovini fino a Joelson, Gasparetto, Campo, Camará e Bargas. Gli innesti del mercato di riparazione della Cremonese

Negli ultimi dieci anni il mercato di gennaio della Cremonese è sempre stato rovente, spesso ricco di colpi di scena, tra calciatori affermati, giovani promesse e meteore che hanno inciso pochissimo, per non dire nulla. La finestra invernale più consistente è certamente stata quella della stagione di Lega Pro 2010-11, in cui la Cremo ha cambiato 3 allenatori (Baroni, Acori, Montorfano), rischiando addirittura i playout (fu l’annata del calcioscommesse).

TOP – Tra i giocatori che hanno fatto meglio si ricorda il giovanissimo attaccante argentino Villar, che fu decisivo nel finale della stagione 2009-10 da parte dei grigiorossi di Venturato, siglando anche gol decisivi (oltre che di pregevole fattura) per agguantare la finale playoff contro il Varese. Bene Scaglia l’anno successivo, ma niente più che due doppiette; Cesar, difensore brasiliano acquistato nel 2012, si rivelò solido e possente. Possanzini chiude la carriera con la Cremo segnando qualche gol importante, Caridi (2013) e Della Rocca (2014) hanno migliorato il dato dei gol all’attivo da parte dei grigiorossi. Tralasciando Scarsella, Canini e Pesce, che poi si sono rivelati decisivi per la promozione in B del 2017, straordinari i 6 mesi a Cremona di Sansovini, che ha lasciato un ottimo ricordo.

FLOP – Morfeo (2008) collezionò troppe espulsioni, Riganò (stesso anno) arrivò sovrappeso e segnò un solo gol, a Verona contro l’Hellas, decisivo per un super 3-2 per gli uomini di Mondonico. I vari attaccanti Gasparetto, Joelson, Varricchio e Coralli avevano il compito di risollevare le sorti della Cremonese delle varie annate, invece non hanno lasciato il segno. Negativa anche l’esperienza del centrocampista Alex Pinardi (2013), così come di Camará e Scamacca con Tesser l’anno scorso. Bargas, totale meteora del 2014, non ebbe alcuna chance; poche presenze anche per Avogadri, Momentè (2013), Campagna, Pasi (2015), Redolfi, Bastrini, Talamo (2017) e Sbrissa (2018). Male anche Alessandro Campo, esterno offensivo arrivato dal Sudtirol nel 2014 che avrebbe dovuto prendere per mano la Cremo in cerca di riscossa.

Gennaio 2009: Morfeo (centrocampista), Riganò (attaccante), Anzalone (difensore)

Gennaio 2010: Varricchio (a), Gilioli (c), Villar (a)

Gennaio 2011: Aldegani (portiere), Rizzi, Cattaneo, Bini (difensori), Toledo, Scaglia (c), Gasparetto, Joelson (a)

Gennaio 2012: Cesar (d), Coralli, Possanzini, Filippini (a)

Gennaio 2013: Viotti (p), Avogadri (d), Pinardi, Martina Rini, Caridi (c), Momentè (a)

Gennaio 2014: Campo, Bruccini (c), Della Rocca, Bargas (a)

Gennaio 2015: Quaini (p), Briganti, Campagna (d), Ruci, Finazzi (c), Pasi (a)

Gennaio 2016: Bianco (d), Scarsella, Pesce, Suciu (c), Sansovini (a)

Gennaio 2017: Canini, Redolfi, Bastrini (d), Talamo (a)

Gennaio 2018: Cinaglia (d), Sbrissa (c), Camará, Scamacca (a)

Redazione
Redazione

Potrebbe interessarti anche:

Voci dal mercato, giornata zeppa di ufficialità

Voci dal mercato, giornata zeppa di ufficialità

Cremo, chi è Andrea Zaccagno

Cremo, chi è Andrea Zaccagno

Cremo, chi è Alessandro Fiordaliso

Cremo, chi è Alessandro Fiordaliso