Parma, deferiti Calaiò e Ceravolo. Serie A a rischio

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il club emiliano deferito per responsabilità oggettiva. La promozione può essere annullata, dovendo modificare la classifica della stagione che si è appena conclusa

Banner La Locanda del Contadino

Si mette male la situazione del Parma, che ora rischia davvero di non partecipare al prossimo campionato di Serie A. Gli attaccanti Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo, rei di aver inviato messaggi a giocatori dello Spezia prima del match decisivo dello scorso 18 maggio invitandoli a non opporre resistenza (era l'ultima giornata della regular season di B), sono stati deferiti con l'accusa di tentato illecito. Il club, invece, deferito per responsabilità oggettiva. La Procura Federale ha deciso così ed entro una decina di giorni i due tesserati e la società crociata andranno a processo presso il Tribunale Federale. Se le accuse verranno accertate, il Parma rischia punti di penalizzazione per la prossima stagione e per quella che si è appena conclusa, modificando quindi la classifica finale. Insomma, l'ennesima promozione consecutiva degli emiliani può essere revocata.